Indietro

Coldiretti lancia l'allarme ungulati

Coldiretti Arezzo lancia l'allarme ungulati: "Continuano le razzie nei campi ma la burocrazia blocca gli interventi di salvaguardia"

CASENTINO — Gravissima emergenza ungulati in provincia di Arezzo: proseguono le loro scorribande tra terreni coltivati e vigneti, seminando danni alle colture e mettendo a rischio la stabilità idrogeologica delle nostre campagne e la presenza dell’agricoltura nelle zone marginali e più difficili. 

Secondo la coldiretti la responsabilità è del piano di controllo della fauna selvatica previsto dalla legge obiettivo, approvata lo scorso febbraio dalla Regione Toscana. 

C’è ancora troppa burocrazia e per questo Coldiretti Arezzo ha manifestato formalmente con un documento ufficiale la necessità di un intervento immediato per risolvere la situazione a Regione Toscana, Servizio Caccia Arezzo e per conoscenza direttamente all’assessore regionale Marco Remaschi e al prefetto di Arezzo Alessandra Guidi, proprio sull’applicazione della legge regionale sul contenimento degli ungulati.

La lettera denuncia il fatto che non sono ancora state messe in atto le norme necessarie appunto al contenimento degli ungulati malgrado siano già oltre 100 le richieste di aiuto e quindi di intervento presentate dalle imprese agricole aretine, subissate dagli attacchi nefasti degli ungulati in particolare di cinghiali. La lettera chiede quindi un immediato riscontro alle richieste già presentate e una pronta risposta anche a quelle in arrivo in questi giorni, tenendo conto che in precedenza queste risposte arrivano addirittura nel giro di 24 ore mentre ora è tutto fermo con danni gravissimi al settore.

Ma c’è anche un secondo provvedimento che Coldiretti contesta e per cui ha già inviato le sue osservazioni agli uffici regionali: è quello relativo al piano dei controllo del cinghiale che introduce ancora complicazioni burocratiche e che rende estremamente tortuoso il percorso per attivare gli interventi di controllo da parte degli agricoltori. La proposta del piano di controllo molto più restrittiva della legge obiettivo che fa riferimento ad un principio per noi fondamentale – precisa Coldiretti - che è quello del danno potenziale. Gli interventi di contenimento dei cinghiali devono essere attuati prima che i danni assumano una dimensione rilevante e non dopo

Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it